Blog

Jeremy Rifkin
News & Events

Jeremy Rifkin: valorizzare le PA con il digitale

Jeremy Rifkin

Jeremy Rifkin, fondatore e Presidente della Foundation on Economic Trends di Washington, autore di sedici libri sull’impatto dei cambiamenti scientifici e tecnologici sull’economia nonchè consulente di capi di stato di tutto il mondo, è l’autore del keynote di apertura del Forum PA 2016.

“L’italia deve saper valorizare le proprie eccellenze virando verso il digitale, e deve fare in fretta, cambiando le proprie priorità: i mezzi per farlo ci sono già tutti. Il Governo ha individuato la strada da seguire, ora la percorra”.

Jeremy Rifkin

Questa la sua esortazione di apertura. L’Italia, per allinearsi ai Paesi Europei, deve intraprendere il percorso verso la terza rivoluzione industriale e sono le pubbliche amministrazioni che devono agire da apripista.

Sharing Economy: la soluzione

Cambiare le cose si può e la risposta è “sharing economy”, ovvero l’economia del digitale, dell’informazione, della condivisione, l’economia a costo marginale zero. È un’economia in cui il valore non si produce più solo con i prodotti, ma con i servizi e con il singolo individuo che contribuisce alla creazione di contenuti (come musica, immagini, corsi online) con costi marginali molto bassi o nulli e costi di diffusione tendenti a zero (nulla cambia se si condivide con una sola persona o con un milione!). “Lo sharing economy è la terza rivoluzione industriale”.

https://www.youtube.com/watch?v=rJOV6GtS-48

Rifkin suggerisce anche le azioni da intraprendere. Bisogna abbandonare l’improduttivo modello di business italiano a favore di un nuovo modello di business che, virando verso il digitale, permetta di cambiare le proprie priorità e valorizzare le proprie eccellenze.

Nell’ambito della pubblica amministrazione significa mettere in pratica la digitalizzazione promossa a livello legislativo, ma che spesso non è seguita dai fatti e, soprattutto, dall’appoggio quotidiano dei lavoratori che costituiscono il vero motore della PA. Significa anche attuare un “reverse mentoring”, un’introduzione nelle PA di giovani tra i 18 e i 32 anni (ricordiamo che l’età media nella nostra PA è di cinquantenni) che insegnino ai più anziani e i quali, in cambio, offrono loro saggezza ed esperienza.

È lecito chiedersi quale possa essere l’impatto della digitalizzazione di così ampio raggio sul mondo dell’impiego. Rifkin rassicura:

“Nessun robot potrà mai sostituire un essere umano in certi ambiti. Gli uomini resteranno al centro, anzi, avranno ancora più possibilità di lavoro, ma dovranno imparare nuove abilità, quelle richieste dalla terza rivoluzione industriale. Si pensi al “capitale sociale”: cultura, educazione, salute, tutti gli ambiti che contribuiscono a creare umanità. Nessun robot potrà mai insegnare agli uomini a essere umani”.

Jeremy Rifkin

Affidati ai migliori

Il team di Arancia Digitale è a tua disposizione per qualsiasi dubbio. Siamo conservatori accreditati AgIDClicca qui per maggiori informazioni.

Scopri i nostri servizi o prenota una consulenza. Saremo felici di aiutarti: Contattaci.